giovedì 11 dicembre 2008

UN ANGELO IN CASA BRAMBILLA

IN SCENA DAL 2 DICEMBRE ALL' 11 GENNAIO
AL TEATRO SAN BABILA DI MILANO
Corso Venezia 2/A
info e prenotazioni: Tel 02.79.54.69 - 02.76.00.29.85

Sarà questa l’ultima delle commedie in vernacolo milanese interpretate da Piero Mazzarella, ospite fisso dei cartelloni del Teatro San Babilae come da tradizione accompagnato dal fratello Rino Silveri, autore, regista, attore, con cui riesce sempre a stabilire quell’aria di affettuosa familiarità per la quale il pubblico torna sempre a vederlo. Dopo di lui il nostro Teatro dialettale non avrà altri grandi interpreti e dunque,essendo questa annunciata come l’ultima commedia messa in scena dall’ormai storico interprete, la stessa può essere a ragione consideratauna tra le sue più importanti degli ultimi anni. E’ inoltre, la terza dedicata da Silveri alla saga della famiglia milanese dei Brambilla, dove il“Professor” Prospero, portinaio che vanta un passato di illustre meneghino in quanto già custode della Pinacoteca Ambrosiana, e la moglie Pina, che ancora oggi lo affianca sul lavoro, sono alle prese con i quotidiani e divertenti battibecchi sulla milanesità, davanti a una televisioneche trasmette sia i fermenti dell’Europa Unita che quelli del carroccio, ma perfidamente assieme alle comiche disavventure della telenovela. Così, tra l’una e l’altra piccola contesa di tutti i giorni, anche per i signori Brambilla si avvicina il Natale. A condirlo con un po’ più di eccitazione è il fatto che sarà baciato dall’annunciato, ma poi improvvisamente disdetto, arrivo della nipotina. Nell’ordinario trantran si inserisce anche una pittoresca sfilata di inquilini che circondano la famigliola mentre fervono i preparativi per la Festa: presepio o albero?Il primo farebbe felice il vecchio Prospero, il secondo l’ormai modernizzata e americanizzata Pina, che nel nome ricorda la nota casalinga emoglie di un ancor più noto ragionier Ugo. Ma ecco che una sera dopo un black out una figura appare proprio da dietro il luminoso albero di Natale. E’ una bimba, Stella, che non sa come rintracciare i parenti e viene accolta nella calda casa milanese…

personaggi ed interpreti:

Prospero Piero Mazzarella
Pina Elena Petrini
Lena Jessica Resteghini
Sabrina Alessandra Zarini
Remigia Cinzia Bregonzi
Sig. Muzzi Elisa Colleoni
Roberto Omar Sandrini
Arcibaldo Roberto Dellara
Morandi Erminio Lissana
La Torre Tony Pandolfo
Vercelloni Rino Silveri
Stella Letizia Rossi
Romolo Alberto Grasso

da martedì a domenica - feriali spettacolo serale (ore 21:00) - sabato doppio spettacolo (ore 16:00 e ore 21:00) - domenica spettacolo pomeridiano (ore 15:30)

lunedì 20 ottobre 2008

FOTO LULU'

ECCO LE FOTO DELLO SPETTACOLO!!!

cercherò di mettere le altre al più presto ^_^

mercoledì 8 ottobre 2008

LULU' di Carlo Bertolazzi

PENSAVATE CHE FOSSI SPARITA?
EBBENE NO!
HO AVUTO UN PO' DA FARE..E TRA TUTTE LE COSE CHE MI HANNO IMPEGNATA,
C'E' LO SPETTACOLO CHE DEBUTTERA' QUESTO VENERDI'.
E' LA " LULU' " DI CARLO BERTOLAZZI.
CON LA REGìA DI RINO SILVERI.


Carlo Bertolazzi (Rivolta d'Adda, 2 novembre 1870 – Milano, 2 giugno 1916) Nacque a Rivolta d'Adda da una famiglia di estrazione borghese, fu critico teatrale del Guerin Meschino e del quotidiano Sera. Laureatosi in giurisprudenza per un certo periodo esercitò l'attività forense, per dedicarsi in seguito a quella notarile. Come letterato esordì nel 1888 con il dramma Mamma Teresa, a cui seguirono La trilogia di Gilda nell'anno seguente e La lezione per domani nel 1890. Fu autore di numerose commedie di stampo verista di cui alcune vennero scritte in italiano, altre in dialetto milanese: di quest'ultimo gruppo fa parte El nost Milan (1893), costituita da due distinte commedie :La povera gent e I sciòri, anche se questa sua commedia più nota e che ha finito per rappresentare la parte per il tutto è costituita in realtà soltanto da La povera gent. Contemporaneo di Capuana, Giacosa, Praga e Rovetta, in questa sua commedia decisamente verista Bertolazzi anticipa un modo moderno di fare teatro e pone l'accento, insistendovi, su temi sociali di ampio respiro. La stessa ambientazione nel mondo popolare della Milano di fine Ottocento comportava la scelta linguistica del dialetto milanese, benchè va ricordato che allora il dialetto era comune strumento di comunicazione familiare e pubblico anche tra i signori. Altre sue opere veriste di una certa rilevanza ma scritte in lingua italiana furono La maschera (1896), La gibigianna (1901), L'egoista (1901), Lulù (1903), Il Diavolo e l’Acqua santa (1904), Lorenzo e il suo avvocato (1905) e La zitella (1915). Bertolazzi , morirà a soli 46 anni nel 1916 , e venne considerato nel secondo dopoguerra uno dei più apprezzati autori d'ispirazione nazional-popolare, grazie soprattutto agli allestimenti delle sue commedie al Piccolo Teatro di Milano e alle magistrali regie di Giorgio Strheler.

     PERSONAGGI ED INTERPRETI:

LULU' JESSICA RESTEGHINI
MARIO FEDERICO PASSI
VIRGINIA        MIRTON VAIANI
STEFANO GERARDO PAGANINI
DE FARNESI ALBERTO GRASSO
CELESTE ELISA COLLEONI
SALETTI DANTE FUSI
GIUSTINA TERESA MARASCO
EULALIA ANGELA FALCONE
INNAMORATO SIMONE MUSTO

AL PIU' PRESTO LE FOTO DELLO SPETTACOLO

SAREMO IN SCENA DAL 10 AL 19 OTTOBRE (venerdi e sabato ore 21:00 - domenica ore 16:00)
AL TEATRO DELLA MEMORIA
Via Cucchiari,4 Milano
Tel. 02.313663 - Fax 02.31809987 - info@teatrodellamemoria.it

lunedì 4 agosto 2008

AMATI E RIPUDIATI



La maledetta estate!
 
La difficoltà di portarlo con sé, l’indolenza di cercare una soluzione (strutture vacanziere che accettano animali, dog sitter a casa, pensioni per i quattrozampe), l’aridità di un cuore avvezzo a considerare gli animali come oggetti. 
Ed eccolo lì, scaricato lungo il lucido nastro d’asfalto, sotto un sole impietoso, mentre le auto sfrecciano indifferenti. 
Annichilito, con lo sguardo perso, procede senza sosta alla ricerca della “sua” famiglia. 
Forse una mano pietosa si tenderà verso di lui, ma è molto più facile che muoia di stenti o sotto le ruote di un veicolo. 
In quest’ultimo frequente caso, spesso il mezzo sbanda con ulteriori disastrose conseguenze anche per gli umani: auto distrutte, feriti, morti.


L’Ente nazionale protezione
 animali lancia la prima campagna contro l’abbandono 
degli animali di ogni specie.





l Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali ha realizzato per il 2008 una campagna contro l’abbandono degli animali da affezione e in particolare dei cani. 
Un fenomeno che secondo i dati forniti dalle Regioni è sempre più preoccupante, soprattutto al Sud d’Italia, ed alimenta il numero dei cani randagi nel nostro Paese. 
Nel 2007 sono stati segnalati infatti al Ministero circa 600.000 cani randagi, di questi meno di un terzo sono ospitati presso canili. 

Il fenomeno del randagismo presenta una serie di rischi connessi in particolare all’inselvatichimento dell’animale, come l’aggressione agli altri animali e agli allevamenti, alla mancanza di controllo veterinario, all’aumento di incidenti stradali.


NON ABBANDONATELI!!!!
isola della Maddalena




















IO PORTO SEMPRE IL MIO 
 CHARLIE IN VACANZA!
 
Costa paradiso in sardegna.

Basta solo trovare i posti dove i cani sono accettati...

Oltretutto, ce ne sono di bellissimi, come potete vedere!





NON ABBANDONATELI 

lunedì 28 luglio 2008

VACANZE

INIZIANO LE VACANZE, E QUEST'ANNO SERVONO PROPRIO!
CI VEDIAMO A SETTEMBRE
^_^
BACI BACI
JESSICA

martedì 1 luglio 2008

PREMIO FERSEN JESSICA RESTEGHINI

FINALMENTE ECCO IL VIDEO DELLA PREMIAZIONE 
'DELLA FIGURA DELL'ATTORE CREATIVO' AL "PREMIO FERSEN" 2008


 


DIVERTITEVI!!!

giovedì 26 giugno 2008




La giuria, presieduta da Ugo Ronfani, è composta da: Andrea Bisicchia, Fabrizio Caleffi, Anna Ceravolo, Ombretta De Biase, Maximilian La Monica.

Il “Premio Fersen” si estende alla figura dell’attore creativo

Il Premio è esteso anche alla figura dell’attore creativo al fine di valorizzarla, oltre che in omaggio all’attività pedagogica e di sperimentazione di Alessando Fersen. Il premio consisterà nella segnalazione di sei attori emergenti che, nel loro lavoro, abbiano dimostrato impegno, passione e creatività, oltre che abilità. Pertanto, durante la cerimonia di chiusura del Premio, ogni componente della giuria avrà facoltà di presentare al pubblico quell’attore che, a suo insindacabile giudizio, avrà ritenuto meritevole di essere segnalato in base ai criteri predetti. I sei attori prescelti saranno poi citati nella pubblicazione Premio Fersen quarta edizione unitamente al lavoro attorale per il quale sono stati segnalati.

PREMIO FERSEN 2008

Libreria Feltrinelli in via Manzoni 12 a Milano

Mercoledì 25 giugno alle ore 18.00

ceri m onia di premiazione dei vincitori del Premio Fersen quarta edizione

e presentazione del libro Il Premio Fersen terza edizione 


PREMIO FERSEN 
per la promozione e diffusione della drammaturgia contemporanea italiana quarta edizione e 
“Premio Fersen” segnala l’attore creativo.

Il Premio, ideato e diretto da Ombretta De Biase e promosso dalla casa editrice Editoria&Spettacolo, è dedicato alla figura del Maestro Alessandro Fersen.

giovedì 12 giugno 2008

IL GIALLO è DI SCENA

L'ASSASSINO ERA IN RITARDO...ECCO LE FOTO!

Rino Silveri nelle vesti di Agadir



da sinistra
ELLEN - PRISCILLA - KATRINE - JANE 
(Jessica Resteghini - Cinzia Bregonzi - Teresa Zampardo - Elena Bellini)



da sinistra
RAY - ROBIN - ALAN - NICK - JANE
(Omar Pirovano - Dante Fusi - Guido Garlati - Danilo Ghezzi - Elena Bellini)



da sinistra
RAY - SLADE - ALAN
(Omar Pirovano - Alberto Grasso - Guido Garlati)



da sinistra
DONOVAN - KATRINE - JANE - PRISCILLA - AGADIR
 ELLEN - ALAN
(Omar Sandrini - Teresa Zampardo - Elena Bellini - Cinzia Bregonzi - Rino Silveri
 Jessica Resteghini - Guido Garlati)



da sinistra
ALAN - NICK - ELLEN - JANE - AGADIR - KATRINE
(Guido Garlati - Danilo Ghezzi - Jessica Resteghini - Elena Bellini - Rino Silveri - Teresa Zampardo)



da sinistra
ELLEN - PRISCILLA - KATRINE - JANE
(Jessica Resteghini - Cinzia Bregonzi - Teresa Zampardo - Elena Bellini)


da sinistra
RAY - JANE - ALAN - NICK
(Omar Pirovano - Elena Bellini - Guido Garlati - Danilo Ghezzi)

L'ASSASSINO ERA IN RITARDO

RITORNA IL TEATRO GIALLO DI RINO SILVERI
UNICO NEL SUO GENERE

ALLEGO LA LOCANDINA


Giallo ad Ambleside, tra misteriosi e nordici laghi della Like District.

Strano il cocktail organizzato per accogliere il rientro di Frank in società, dopo la prigione. Insoliti invitati in trepidante attesa, sono tutti riuniti per accogliere il truffatore ed emerito amante. Sarà proprio questa attesa ad intrecciare storie, persone, coincidenze, ritardi e colpi di scena.

Ciò che rende questo spettacolo un'opera dalle sfumature pittoresche tra le più affascinanti e suggestive, è innanzitutto la scelta di ambientarlo in una terra lontana, misteriosa, scoperta dai turisti nei primi dell'ottocento, proprio grazie all'estro artistico di pittori e poeti, che ne esaltarono il carattere e la bellezza: la zona dei laghi. Questa meraviglia inglese è più conosciuta come la LAKE DISTRICT.

Dov'è finito il milione di sterline frutto di un colpo incredibile, organizzato dalla banda di Frank, durante la sua forzata assenza?

Saranno il caso, l'astuzia, la coincidenza e il cuore ad arbitrare la partita, stravolgendo la vita dei nostri personaggi con eclatanti colpi di scena. L'accoglienza per il ritorno di Frank, nasconde fitte relazioni tra gli invitati, trattenuti da un'attesa che porterà una sorprendente e irraggiungibile, ma logica, conclusione.


AL PIU' PRESTO METTERO' ANCHE LE FOTO DI SCENA
CIAO CIAO
JESSICA

martedì 20 maggio 2008

VIA LA GATTA...BALLA I RATT


QUESTA SERA C'è IL DEBUTTO DELLO SPETTACOLO 
"VIA LA GATTA...BALLA I RATT"
CON LA REGìA DI RINO SILVERI.

Piero Mazzarella


Torna Mazzarella, ormai amico e ospite fisso dei cartelloni del Teatro San Babila. 

Con uno spettacolo che, in particolare quando fa coppia col fratello Rino Silveri, stabilisce quell?aria di affettuosa familiarità che è caratteristica dell?unico ?teatro-salotto? del cuore di Milano.

E allora teatro dialettale ancora una volta sia. Certo, i secoli sono passati e la grande tradizione del teatro dialettale milanese e lombardo si è quasi estinta. 

Ma che piacere mantenere vivo quello spirito e poter sentire ancora una volta le antiche e tradizionali cadenze, la musica della vecchia Milano, l?autentica Milano, quella che da sempre appartiene ai milanesi, che parla e quasi canta da uno dei suoi palcoscenici più nobili!

Felpato come un grande gattone soriano, poche le movenze ma magistrali in scena, Mazzarella propone un cocktail di buoni sentimenti, sorniona ironia e intrecci spassosi. 

L?azione si svolge nell?appartamento di un affascinante signore che ha avuto molte donne, con cui combinerà party allegri, provando a fondare una vera e propria organizzazione di festicciole e avventure per e con anziani amici. 

Ma proprio nel momento in cui si convince di riuscire a combinare qualcosa?. 

Da questo punto in avanti la nostra storia non può più essere narrata per non togliere agli spettatori il piacere del coinvolgimento e della sorpresa. Possiamo solo dire che si concluderà tra le non parche né poche risate del pubblico. 

?Via la Gatta, balla i Ratt? è infatti la tipica commedia degli equivoci, un intreccio con pochade moderna e finale a sorpresa, dove il protagonista, che ha creato la goliardica situazione, sarà infine costretto a subirla tra le risate generali.


AL TEATRO SAN BABILA DI MILANO - DAL 20 MAGGIO AL 15 GIUGNO
MARTEDì - SABATO ORE 21:00
(doppio spettacolo il Sabato ore 16:00)
DOMENICA ORE 15:30 
(le prime due settimane spettacolo doppio ore 19:30)

VENITE A DIVERTIRVI UN PO'!!
A PRESTO.
JESSICA

lunedì 12 maggio 2008

VIA LA GATTA BALLA I RATT

COMMEDIA IN DIALETTO MILANESE CON PIERO MAZZARELLA E RINO SILVERI.
DAL 15 MAGGIO AL 20 GIUGNO 
AL TEATRO SAN BABILA DI MILANO


INTERPRETI IN ORDINE DI ENTRATA:

- ESTER --- ALESSANDRA ZARINI
- BEATRICE --- EGIZIA SALARDI  
- PANCRAZIO --- PIERO MAZZARELLA
- VALENTINA --- MONICA STIFINLONGO
- TAXISTA --- ERMINO LISSANA
- SAVINO --- OMAR SANDRINI
- CIPRIANO --- ROBERTO DELLARA
- ENEA --- RINO SILVERI
- LUCREZIA --- CINZIA BREGONZI
- GINA --- JESSICA RESTEGHINI
- TASSONI --- ALBERTO GRASSO
- MAX --- DANILO GHEZZI
- DOMENICA --- ELENA PETRINI
- EMILIA --- NARCISA PECCHIOLI
- PONZONI --- DANTE FUSI
- FEDERICO --- OMAR PIROVANO

AL PIù PRESTO METTERò QUALCHE FOTO DELLA COMMEDIA!
VENITE A VEDERE LO SPETTACOLO...E ANCHE A VEDERE ME! ^_^
LA PARTE NON è MOLTO LUNGA, MA IL PERSONAGGIO è CARINO.

VI ASPETTO
JESSICA RESTEGHINI

martedì 22 aprile 2008

"STA PER VENIRE LA RIVOLUZIONE E NON HO NIENTE DA METTERMI"

Vi sono diversi modi di “celebrare” il quarantennale del famoso “68”.
Un modo ironico e garbatamente umoristico è certamen
te quello di ricordarlo con la ripresa di questo esilarante testo di Umberto Simonetta e Livia Cerini.


Quando questo splendido testo è stato messo in scena per la prima volta, nel lontano 1973, sembrava che la “rivoluzione” fosse imminente, oggi invece può sembrare che sia già avvenuta, che sia già alle nostre spalle, seppure con esiti preventivamente imprevedibili, ma i temi trattati restano sorprendentemente attualissimi.
Una rivoluzione che sconvolge la coppia e la famiglia, che coinvolge i diversi aspetti inerenti la sessualità e i ruoli, l’angoscia della comunicazione che si trasforma nel prevaler dell’apparire sull’essere, il trascorrere del tempo che non ci lascia tregua… tutto come 35 anni fa.

Con la giovanissima Jessica Resteghini nel ruolo reso celebre da Livia Cerini (già brillante interprete del personaggio di Nina nella commedia “El nost Milan” di Carlo Bertolazzi.
Andato in scena nella scorsa stagione al Teatro della Memoria e , in questa stagione, del personaggio di Margherita nella “Sciura di Cameli” di Cletto Arrighi) .
Con l’accurata regia di Luca Sandri, memoria storica della drammaturgia di Umberto Simonetta.
Da non perdere!

Aleardo Caliari


AL TEATRO DELLA MEMORIA DA GIOVEDI' 24 A DOMENICA 27 APRILE 2008
ORE 21:00 - DOMENICA ORE 16:00

martedì 15 aprile 2008

PROVINO 2006

QUESTO è UN PROVINO DEL 2006
...EHEHEHE...
PERCHè PRIVARVI DI UN PROVINO DEL CONCORSO
"HYSTRIO premio alla vocazione"
VISTO CHE AVEVO LA FEBBRE A 38,5 °C CIRCA
DIVERTITEVI!!!

INTANTO RINGRAZIO DANIELE CHE SI è SORBITO 1 MATTINATA INTERA DI PROVINI!

^_^

domenica 13 aprile 2008

FINALMENTE!

FINALMENTE RIESCO A METTERE I VIDEO SUL BLOG!
QUESTO è UN PEZZO DI "4 CUORI SUL CABARET"



è SOLO UN PEZZETTO, PERò SEMPRE MEGLIO DI NIENTE!


NO?


^_^

mercoledì 2 aprile 2008

QUESTA SERA SI RECITA A SOGGETTO

Luigi Pirandello


Che cosa significhi oggi “recitare a soggetto” risulta ormai di difficile comprensione. Nel teatro “all’antica italiana” ogni attore aveva infatti un ruolo ben definito che finiva per portarsi addosso anche fuori della scena.
Le compagnie teatrali, e non solo le primarie, erano abbondantissime di elementi e fino a tutti gli anni ’30 del novecento tutti i personaggi di una commedia erano catalogabili in tante caselle quanti appunto erano i ruoli.
C’era il primattore e la primattrice, il caratterista e la caratterista, il padre nobile e la madre nobile, il brillante e il secondo brillante, la seconda donna, il generico primario e il promiscuo, l’attor giovane e l’attrice giovane.
Con l’affermarsi del teatro di regia crollò gradatamente il castello dei ruoli, confondendo sempre più i confini tra ruolo e ruolo e amalgamandoli fra di loro fino a rendere difficile, se non impossibile, una precisa distinzione.
A ciò contribuì certamente in maniera rilevante l’evoluzione del repertorio ed in questa evoluzione un ruolo importantissimo ebbe il teatro di Luigi Pirandello.
In Questa sera si recita a soggetto (1928-29) Pirandello riprende il tema del “teatro nel teatro” evidenziando il contrasto esistente tra il teatro d’attore e quello di regia.
Oggi che i grandi registi hanno finito con il prevalere indiscriminatamente in tutti i grandi teatri pubblici è quanto mai attuale l’esigenza di recuperare quella facoltà interpretativa dell’attore italiano di saper recitare anche senza una trama ed un’azione scenica prestabilite, quella sua capacità di “recitare a soggetto” per dare un più profondo senso di verità anche, quando la situazione lo richiede, ribellandosi al regista

Da venerdì 04-04-2008 a domenica 20-04-2008 
(VENERDì E SABATO ORE 21:00 - DOMENICA ORE 16:00)
AL TEATRO DELLA MEMORIA
VIA CUCCHIARI,4 - MILANO

mercoledì 27 febbraio 2008

LA TRILOGIA DEL TECOPPA


Tecoppa, il personaggio inventato dal Ferravilla, il personaggio che è "...strisciante coi ricchi, superbo coi poveri, gaudente e nemico del lavoro”, ha i suoi ideali progenitori nelle maschere della commedia dell'arte. Tecoppa è la naturale prosecuzione dello “Zanni”, del servo che ha trovato la sua collocazione nella società industriale (la figura viene infatti elaborata alla fine dell'800) mantenendo il suo codice genetico comportamentale fatto di furba canaglieria, dello sfottò irriverente, ma anche di una poesia ingenua, quasi involontaria, che si nutre del mondo che ruota attorno a quello della bassa umanità, lo stesso che ispirò la poesia del Porta e più tardi degli scapigliati (con Arrighi collabora attivamente Ferravilla, accettando la sua offerta di entrare nella compagnia di Teatro Milanese). Ecco dunque che nell'affrontare la regia di questo testo, di questo personaggio ho voluto ad un tempo recare un omaggio doveroso al teatro italiano all'antica, alle tecniche dell'Improvvisa, immaginando la compagnia come un gruppo di comici dell'arte intenti a riempire il canovaccio delle tre farse, la parola deriva infatti dal participio passato latino del verbo farcire, con i lazzi, le invenzioni degli interpreti. Il dialetto è per noi un valore aggiunto che dà al testo una particolare musicalità, ed alle battute una spontaneità, filtrata dalla sensibilità artistica del Ferravillla e degli altri coautori delle farse (Giraud, Bosisio) unica e irripetibile. Anche con questa scelta che si conferma la volontà di fare una Teatro di cultura che guardi al tesoro, in parte nascosto o dimenticato, della nostra tradizione.
Danilo Caravà





LA TRILOGIA DEL TECOPPA ANDRA' IN SCENA AL TEATRO DELLA MEMORIA IN VIA CUCCHIARI 4 MILANO. 
DA VENERDI' 29 FEBBRAIO A DOMENICA 16 MARZO.
VENERDI E SABATO ORE 21:00 E DOMENICA ORE 16:00
PER INFO www.teatrodellamemoria.it

sabato 23 febbraio 2008

SPETTACOLO MERCOLEDI' 27 FEBBRAIO




"4 CUORI SUL CABARET"
DANIA COLOMBO - JESSICA RESTEGHINI - 
MARIO NEUMAKER - GERARDO PAGANINI














MERCOLEDI' 27 FEBBRAIO ORE 21:00
IL LOCALE E' 'LA GRAPPERIA'
IN VIALE MONTEGRAPPA, 6/A
A MILANO.
PER CAPIRE LA ZONA SIAMO IN ZONA
VIA MELCHIORREGIOIA, 
DOVE PRIMA C'ERANO LE VECCHIE 
CUCINE ECONOMICHE.
DAI, A PRESTO!
JE

mercoledì 20 febbraio 2008

MUSICAL



IERI SERA SONO ANDATA AL PALASHARP A VEDERE "GIULIETTA E ROMEO" (MUSICHE DI RICCARDO COCCIANTE).

BELLO!

ANCHE SE...AVENDO VISTO "NOTRE DAME DE PARIS", MI ASPETTAVO QUALCOSA DI PIù SPETTACOLARE.


VA BEH, NON SI PUò AVERE TUTTO DALLA VITA!

COMUNQUE, VOTO DA 0 A 10: 7 1/2
SE POTETE, ANDATE A VEDERLO!

CIAO

JE

TEATRO DIALETTALE

EH SI, C'è ANCHE IL TEATRO DIALETTALE!
A QUESTO PROPOSITO, SEGNALO LO SPETTACOLO "TECOPPA" CHE ANDRà IN SCENA VENERDì 29 FEBBRAIO (ORE 21:00) AL TEATRO DELLA MEMORIA.
VIA CUCCHIARI 4 - MILANO

PER INFO:
www.teatrodellamemoria.it

E OVVIAMENTE..CI SONO ANCHE IO!

FINALMENTE TEATRO


BENE!
FINALMENTE VERRA' PUBBLICATO QUALCOSA DI PIU' SUL TEATRO 
E SPETTACOLI IN GENERE..
SE AVETE PROPOSTE O AVETE VISTO QUALCOSA CHE VI è PIACIUTO, NON ESITATE A COMUNICARLO.
CIAO
JESSICA